chitarra H#1937 – 4° capitolo

 …segue: attività di costruzione.

Frattanto ho disegnato il contorno delle fasce (prendendo una vecchia forma delle fasce e apportando le necessarie modifiche). La forma in multistrato servirà da guida alla fresatrice per ritagliare i contorni e non dover eseguire tagli sulle fasce dopo che sono state piegate, tranne l’accorciamento al ginocchio e al fondo, che per forza di cose vanno fatti dopo la messa in forma delle fasce stesse. Per la piegatura uso il sistema della copertina termica su una forma da me costruita, e con l’ausilio di un controller di temperatura comprato in rete. Qui vi mostro una serie di foto che dovrebbero chiarire meglio il concetto:

           

La forma è costruita disegnando  il contorno della chitarra su due supporti di multistrato nei quali si disegna il contorno della chitarra, lungo il quale si perfora ogni 2 cm circa e si inseriscono le barre filettate bloccate con dadi a farfalla. Su di esse si fissa poi una fascia di acciaio (o di alluminio) con resina epossidica sulla barra centrale.
Sulla fascia di acciaio poggerà poi la copertina termica e la fascia della chitarra. L’ultimo strato sarà un’altra fascia di alluminio, che con i tacchi appositi terrà piegata la fascia. La regolazione del termostato è sui 130 °C (valore a cui automaticamente stacca e attacca). 
Quindi:

1-posare sull’acciaio la coperta termica, collegare il termostato e la sonda, e far partire il cronometro fissato sui 15 minuti. La copertina inizia a scaldare, si posa la fascia della chitarra (precedentemente bagnata) e la striscia di alluminio, e si inizia a piegare all’altezza del waist, pressando con moderazione ma con continuità sul blocco centrale
2-mentre la temperatura sale (si fermerà intorno ai 130 °C) si continua a piegare la fascia continuando a bagnarla con uno spruzzatore per generare il vapore che fa piegare il legno
3-di norma si riesce a piegare la fascia fino alle estremità nel quarto d’ora prestabilito, e alla scadenza dei 15 minuti si stacca la corrente dalla copertina lasciando raffreddare e stringendo progressivamente i blocchi che fermano la fascia. Poi si lascia il tutto in forma per tutta la notte
4-il giorno dopo controllo che i blocchi siano ben stretti e riaccendo per un quarto d’ora, poi spengo e a raffreddamento avvenuto posso togliere la fascia e sistemarla nella forma di legno con i morsetti, poi rifaccio tutto il processo per l’altra fascia.

 

(Visited 193 times, 1 visits today)

Lascia un commento